Classifica qualità della vita: ItaliaOggi e il Sole 24 ore registrano due Milano diverse, Torino recupera posizioni
SCANDALISTI.COM

Classifica qualità della vita: ItaliaOggi e il Sole 24 ore registrano due Milano diverse, Torino recupera posizioni

È stata pubblicata ieri la classifica di ItaliaOggi sulla qualità della vita nelle città italiane. Lo studio è stato condotto insieme alla Università La Sapienza di Roma nelle province italiane assegnando un punteggio alla città capoluogo.

Le città del centro-sud rimangono costantemente alle ultime posizioni, Roma tracolla: “A deludere – si legge nello studio – sono anche le grandi aree urbane, che arretrano tutte, rispetto allo scorso anno, eccezion fatta per Torino (che sale di 6 posti)”.

Qualità della vita per punteggio nelle province italiane di Milano, Torino e Genova al 2016 secondo ItaliaOggi e Università La Sapienza.

Se il Sud se la passa male, al Nord nelle grandi città secondo lo studio si sta progressivamente peggio: nelle tre città che furono del triangolo industriale, Milano, Torino e Genova, non vi sono miglioramenti dal 2013 sia per ItaliaOggi che per la concorrente indagine del Sole 24 Ore.

Stando ai valori assoluti dei punteggi il quotidiano economico milanese ha ridimensionato negli anni la perdita di Milano tra il 2013 e il 2015 ma non la nega: la foto che dà del triangolo industriale al 2015 vede un crollo di Genova e Torino e una sostanziale tenuta di Milano, discordando con ItaliaOggi che al 2016 vede invece Milano e Genova seguire lo stesso trend negativo e Torino recuperare in parte i livelli di qualità di vita del 2014.

Qualità della vita per punteggio nelle province italiane di Milano, Torino e Genova per il Sole 24 Ore al 2015.

In entrambe le indagini la provincia di Milano rimane comunque in testa alle 3 province ma se per il Sole 24 Ore Torino rimane sempre all'ultimo posto, per ItaliaOggi il pareggio con Genova è avvenuto nel 2014 e il sorpasso nel 2015. Una differenza sostanziale.

Torino non è nuova a cattiva pubblicità da parte del quotidiano milanese, tanto che una indagine del Sole finì addirittura in consiglio comunale nel 2013 dove le denunce per furti in casa e borseggi la fecero cadere nella classifica dell'ordine pubblico e poi in quella generale. L'allora consigliere Silvio Viale, giunta Fassino, si difese dalle opposizioni sostenendo che “un maggiore numero di denunce dovuto alla maggiore sensibilità dei nostri concittadini e alla migliore efficienza della Polizia, finisca per ripercuotersi contro proprio nella graduatoria”.

Un sondaggio Ipsos del 2015 registrò l'aumento nell'insicurezza percepita dai milanesi e nel 2016 il sindaco Sala è arrivato a chiedere l'intervento dell'esercito per contenere i fenomeni criminali, di cui l'ultimo sotto il palazzo della Regione in pieno centro.

L'uscita dell'edizione 2016 dello studio del Sole 24 Ore prevista prima di Natale chiarirà quale provincia fra Milano e Torino abbia migliorato la qualità della vita nell'ultimo anno.

Aggiornato il 12 dicembre 2016